Posso fumare o mangiare dopo aver messo un impianto?

Posso fumare o mangiare dopo aver messo un impianto?

Le domande che più spesso ci fanno i pazienti una volta che hanno affrontato un intervento di implantologia dentale riguardano li comportamenti da tenere nel post operatorio.

“Dottore, posso fumare quando esco dallo studio?”

“In questi giorni posso mangiare normalmente o devo fare attenzione a qualcosa”

Nel nostro studio, oltre a spiegare queste cose almeno due volte, prima e dopo l’intervento, diamo al paziente un promemoria con le indicazioni da seguire.

Nonostante tutte queste attenzioni, capita comunque che, essendo il paziente distratto dal pensiero dell’intervento in sé, magari non presti troppa attenzione alle indicazioni che vengono date e che perda il foglio con le istruzioni da seguire appena esce dallo studio…🤦🏻

Sono grandi soddisfazioni!😅

Può quindi essere utile togliere questo dubbio anche a chi cercasse su internet delle informazioni a riguardo.

Per rispondere alla domanda “posso fumare dopo un intervento di implantologia” la risposta che mi verrebbe da dare è: “in realtà non dovresti fumare nemmeno prima…” e non intendo nelle ore precedenti all’intervento ma in senso assoluto!

Nel 2020 trovo che avere ancora l’abitudine di fumare sia davvero assurdo, vista la mole di informazioni sui danni che il fumo provoca, in primis il cancro, e il costo sempre crescente delle sigarette…

Non riesco davvero a trovare un punto a favore della decisione di fumare.🤔

Ma se proprio non riesci a smettere, sappi che sarebbe bene cercare di trattenersi dal fumare il giorno dell’intervento e, più in generale, che sarebbe opportuno diminuire il numero di sigarette fumate, perlomeno fino alla rimozione dei punti.

Questo perché tra le azioni indesiderate del fumo c’è la diminuzione dell’afflusso di sangue per una azione di vasocostrizione della nicotina, il che peggiora il processo di guarigione del piccolo taglio effettuato.

In più, la diminuzione dell’ossigeno nel cavo orale e della saliva, che spesso caratterizzano le bocche dei fumatori, possono peggiorare le condizioni di salute delle gengive, favorendo la proliferazione dei batteri più aggressivi presenti nella bocca.

In generale, comunque, devo ricordarti che il fumo aumenta il rischio che l’impianto non attecchisca nell’osso, e di questo abbiamo parlato in un precedente articolo (https://www.studiosalzanotirone.it/scopri-le-cause-del-rigetto-degli-impianti-parte-2/) o che si sviluppino perimplantiti (un’infezione dell’impianto che distrugge l’osso) nei mesi o anni successivi all’inserimento dell’impianto stesso.

Per quanto il fumo non rappresenti una controindicazione assoluta agli interventi di implantologia, è comunque giusto informare che è un fattore di disturbo rilevante, potendo arrivare a raddoppiare le possibilità di insuccesso ed è consigliabile astenersi dal fumare almeno per il giorno dell’intervento.

Per quanto riguarda la domanda “cosa posso mangiare dopo l’intervento per un impianto dentale?”, beh, qui valgono le raccomandazioni di buon senso che si danno dopo ogni intervento in bocca.

Essendoci comunque una ferita che deve guarire e rimanere la più pulita possibile, bisognerà evitare di mangiare cose troppo dure, che potrebbero riaprire la ferita stessa o, peggio, strappare qualche punto, o cibi troppo collosi, che risultano poi difficili da pulire, visto che spesso le manovre di igiene orale nella zona che ha subito l’intervento, nella prima settimana, si limitano a degli sciacqui con un collutorio a base di clorexidina, una sostanza antibatterica che previene anche il deposito della placca.

Altra raccomandazione è quella di non mangiare cibi troppo caldi, visto che gli stati infiammatori traggono sempre giovamento dall’applicazione del ghiaccio o di cibi freddi, che diminuiscono la possibilità di gonfiare e migliorano il decorso post operatorio. Il giorno dell’intervento di implantologia dentale è opportuno mangiare cibi freddi.

Per cui semaforo verde per gelato, yogurt, tomini, carne cruda, frittate, verdure bollite e lasciate raffreddare, ma anche una pasta non troppo calda, insomma, cibi che non richiedano eccessivo sforzo per essere triturati, e che quindi non impattino con troppa violenza sulle ferite, e fredde o tiepide.

É vero che gli interventi implantari, ad oggi, sono davvero molto poco invasivi e in certi casi permettono di caricare i denti fissi in giornata, per cui la ferita rimane protetta dai denti messi subito, che permetterebbero di sgranocchiare e addentare anche cibi decisamente più consistenti e impegnativi, tuttavia è bene essere prudenti e non esagerare subito a mangiare la proverbiale fiorentina solo perché, come spessissimo capita, non si ha alcun male! Aspetta sempre almeno due mesi prima di sollecitare i gli impianti appena messi con cibi duri.

In caso di dubbi, comunque, ricordati sempre di contattare il tuo dentista!

 

Spero che questo articolo ti sia servito!

 

Alla prossima!

Scopri tutto sugli impianti dentali.

Nessun commento

Scrivi un commento